Nastri d’Argento: riconoscimento speciale a Dafne di Federico Bondi

Giovedì 30 maggio al Maxxi si terrà la 73esima edizione dei Nastri d’Argento, i premi assegnati dal Sindacato dei Giornalisti CInematografici Italiani

Saranno Chiara Martegiani per il film Ride, Pietro Castellitto per La Profezia dell’Armadillo, Giampiero de Concilio per Un Giorno all’Improvviso e Benedetta Porcaroli (protagonista anche di molta fiction tv e di Baby) per Tutte le mie notti a ricevere  il Premio Gugliemo Biraghi per le più giovani rivelazioni dell’anno.

La grande festa del cinema italiano apre quest’anno un capitolo importante anche per la visibilità estiva del cinema: anche anche i Nastri hanno aderito a Moviement, l’iniziativa dell’industria cinematografica che ha deciso di tenere aperti per ferie i cinema d’estate.

Un premio speciale va a Dafne (foto) di Federico Bondi, “film che riesce a mantenersi perfettamente in bilico tra dramma e commedia, regalandoci una piccola storia intima, in un ritratto segnato anche dal tema della disabilità, in un film dal respiro internazionale, molto apprezzato al Festival di Berlino”. Il film, prodotto da Vivo film con Rai Cinema in collaborazione con Istituto Luce Cinecittà, è sostenuto dal Programma Sensi Contemporanei Toscana per il Cinema

Novità di quest’edizione il ritorno di un premio per la tradizione italiana del doppiaggio, area di grandi professionisti che, in collaborazione con Nuovo Imaie, i Nastri premiano domani sera anche i migliori doppiatori con il premio Nuovo Imaie premi per il doppiaggio che andrà ad Angelo Maggi (John C. Reill) e a Simone Mori (Steve Coogan) nel film Stanlio e Olliodi John S. Baird (Lucky Red). Un doppiaggio sobrio, funzionale al clima emotivo della storia con la grande abilità di aver restituito al pubblico l’identità vocale e l’ impareggiabile umanità di due indimenticabili icone del cinema.

FacebookTwitterWhatsAppEmail
ULTIME NEWS Vedi tutte
L’ultimo saluto al Maestro

Franco Zeffirelli, a Firenze l’ultimo saluto. Il sindaco Nardella “Sviluppare la Fondazione nel suo nome”. Più di 1500 persone, in cattedrale per l’addio a Franco Zeffirelli, il regista e scenografo scomparso il 15 giugno all’età di 96 anni nella sua casa a Roma.

Continua