Camera con vista, tra i 100 film britannici migliori del XX secolo

camera con vista

Iniziamo questo viaggio con il film che maggiormente negli ultimi decenni ha affascinato e attirato turisti da tutto il mondo: A Room with a view di James Ivory

Camera con vista, del 1985, è prodotto in collaborazione con Ismail Merchant e la sceneggiatrice Ruth Prawer Jhabvala, un sodalizio questo presente in molte delle pellicole di maggior successo del regista britannico.
Il film è tratto dal celebre romanzo omonimo di E.M Forster ed è stato sicuramente il film di Ivory che ha riscosso il maggior successo a livello internazionale, tanto da essere inserito nella lista dei 100 film britannici migliori del XX secolo. Non tutti sanno che fa parte di una trilogia di adattamenti tratti dai romanzi di Forster, insieme a Maurice (1987) e Casa Howard (1992).

Trama

La pellicola narra la storia della giovane inglese Lucy che, in vacanza a Firenze con la zia Charlotte, incontra e si innamora dello stravagante George. Tornata in patria dal ricco fidanzato Cecil dovrà fare una scelta.

Le location tra Firenze e Fiesole

Tutto inizia da una “vista” che non c’è. La giovane Lucy e sua zia, in vacanza a Firenze, non hanno le stanze con vista sull’Arno come richiesto. Ma il Signor Emerson e suo figlio George, ospiti della stessa pensione, cedono con piacere alle signore la loro stanza perché pensano che la vista perfetta è quella del cielo sopra le loro teste. La stanza in questione in realtà si trova alla Villa Di Maiano a Fiesole, dove vennero girate tutte le scene degli interni del film, come la famosa Stanza Rossa con il pianoforte dove Lucy si esercita.  La villa è stata poi utilizzata anche da Franco Zeffirelli per alcune scene di Un tè con Mussolini.

Insieme a Lucy viaggiamo attraverso un’incantata e splendida Firenze del 1907, trasformata nonostante il traffico degli anni ottanta, sotto le note del Gianni Schicchi di Giacomo Puccini. Piazza della Signoria e l’immancabile affaccio sull’Arno alla fine del Piazzale degli Uffizi, luogo simbolo dell’incontro con George. Luogo che ancora oggi ispira tanti giovani innamorati a scambiarsi promesse sulle spallette dell’Arno.

Come tutti gli stranieri in vacanza a Firenze anche la giovane protagonista del film gira la città insieme alla sua guida Baedeker alla scoperta dei prestigiosi monumenti e delle chiese più importanti, come la Basilica di Santa Croce. Qui Lucy si aggira tra le navate tra le sculture dedicate a Dante, Michelangelo e Galileo. 

Nel frattempo sua zia Charlotte scopre la città in un modo più poetico insieme ad Eleonor Lavish, la scrittrice ospite della stessa pensione, che con il suo “Buongiorno Ferdinando” saluta la statua di Ferdinando I in Piazza Santissima Annunziata ed il celebre loggiato dello Spedale degli Innocenti.

Immancabile è poi la gita fuori porta dove i nostri protagonisti raggiungono in carrozza le rigogliose colline di Fiesole. Siamo nella campagna circostante il Castello di Vincigliata dove assistiamo alla scena forse più bella ed emozionate del film: il bacio nel campo di grano tra Lucy e George.

Curiosità

Per anni migliaia di turisti hanno cercato la celebre finestra che fa da cornice all’ultima scena del film, con i due giovani amanti affacciati sull’Arno intenti a baciarsi. Ma nessun turista ha potuto provare quel tenero momento perché la camera non è mai esistita. La magia del cinema è anche questa. La finestra e la cornice furono letteralmente staccate dalla Villa di Maiano, dove vennero girati la maggior parte degli interni della Pensione Pendini nel film, e portati in un palazzo dell’Oltrarno, in via dei Bardi.

Tra le altre curiosità la Pensione Quisisiana, utilizzata per gli esterni della pensione, si affacciava sul vicolo di Via dei Georgofili e venne in parte distrutta in seguito all’attentato mafioso del 1993. Oggi al suo posto si trova l’Hotel degli Orafi.

La giovane Lucy, interpretata da un esordiente Helena Bohnam Carter, a distanza di 30 anni dalla pellicola, dichiarò in un’intervista di aver odiato ogni singolo momento del set e di sentirsi inadeguata vista la presenza sul set di tanti attori prestigiosi.

Cast e premi

Helena Bonham Carter, Maggie Smith, Julian Sands,Daniel Day Lewis, Denhom Elliiot, Judi Dench.

Il film che ottenne 8 nomination vinse 3 Premi Oscar (miglior sceneggiatura non originale, costumi, scenografia), numerosi premi tra cui anche il David di Donatello per il miglior film straniero.

FacebookTwitterWhatsAppEmail
ULTIME NEWS Vedi tutte