Festival Internazionale di Cinema e Donne:
le protagoniste toscane

 

40 anni di cinema e donne a Firenze con anteprime da tutto il mondo e registe affermatissime provenienti dai Paesi che in questi decenni hanno tracciato la strada dell’uguaglianza nel cinema e nella società.

Dal 21 al 25 novembre il Festival Internazionale di Cinema e Donne: grande festa con più di quaranta film, tanti inediti, molte scoperte nei lungometraggi, documentari, corti, film d’arte e di animazione. Panoramica su donne e cinema, inclusa qualche gradita (e non inconsueta) presenza maschile, con molte grandi maestre e giovani scoperte. Prezioso “cinema ritrovato”o restaurato, incontri e lezioni magistrali affidati alle straordinarie ospiti del Festival.

𝐃𝐢𝐬/𝐔𝐠𝐮𝐚𝐥𝐢 dunque e questo squilibrio accomuna spettatrici, spettatori ed autrici. Mondo povero quello in cui le donne non parlano, non scrivono, non filmano, non possono esprimersi in tutti i campi. Privato della metà delle sue risorse e dei suoi talenti. Ma non è tempo di lamentele nè di vittimismi. Nell’anno del Me#too, del Dissenso Comune, delle contestazioni per la scarsa presenza dei film delle registe nei grandi festival, Venezia 2018 batte ogni record con una sola regista in concorso, Dis/Uguali diventa il grido di battaglia di chi non si ferma e vuole essere pari nelle occasioni ma uguale a nessun altro nell’ideare e realizzare i suoi progetti.

Importante il contributo delle autrici toscane, che con i loro lavori affrontano alcune tematiche molto care al festival e proseguono nel loro percorso di sperimentazione.

Il cortometraggio di Emanuela MascheriniCome la prima volta” apre  mercoledì 21 novembre alle ore 15 la 40° edizione del Festival con la proiezione in anteprima nazionale, al cinema La Compagnia, della versione  estesa da 28’ minuti presentata dalla regista, dall’attrice protagonista Giusi Merli  e da parte del cast tecnico e artistico. Interpretata magistralmente da due attori de “La grande Bellezza”, Luciano Virgilio e Giusi Merli, è la storia di Oscar, un fotografo che da sempre cerca di fermare il tempo, i ricordi, i pensieri, illudendosi di riuscirci finché la malattia della moglie e il digitale sembrano rapire ogni forma di memoria.

Giovedì 22 ore 15.30, sarà la volta di un’altra regista toscana, Carolina Mancini, che in ChiantiShare racconta di un approccio non convenzionale all’apprendimento della lingua italiana, la “Suggestopedia”, sperimentata alle lezioni di italiano per stranieri del circolo Arci di Mercatale. Mercatale val di Pesa è un piccolo borgo sulle colline del chianti fiorentino, terra di grandi vini, paesaggi, e delle Case del Popolo. Il corto ha vinto il premio Migrarti 2018.

Per celebrare la Giornata contro la violenza sulle donne, ancora spazio ai talenti toscani con il nuovo documentario di Silvia Lelli, Violenza sulle donne: storie dal silenzio 2010-2018, che rappresenta una sintesi dei  volti e delle voci di donne che con coraggio hanno spezzato silenzio e invisibilità, 
i meccanismi socioculturali che permettono alla violenza di esistere e di riprodursi. La presentazione al pubblico sarà venerdì 23 novembre, a La Compagnia, alle 15.30, alla presenza della regista che riceverà il Premio Gilda antiviolenza domenica 25 Novembre nella giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne.

 

Scarica il programma completo

 

 

FacebookTwitterWhatsAppEmail
ULTIME NEWS Vedi tutte