Riprenditi la città: al via la call della 5° edizione del concorso video

Tra le novità della quinta edizione del concorso ci sarà anche la nuova sezione “LUCE e FOTOGRAFIA”. La luce, infatti, è anche un elemento importante della fotografia e un premio dedicato a questo connubio arricchisce e approfondisce le applicazioni della luce.

Dopo il successo delle scorse edizioni del concorso video Riprenditi la città, Riprendi la luce, AIDI, Associazione Italiana di Illuminazione, lancia la V edizione.
Un’iniziativa che si propone di divulgare la “cultura della luce”, partendo proprio dai giovani, per stimolare in loro l’importanza che questo elemento riveste nella loro vita quotidiana e per conoscere e capire come i giovani, proprio attraverso la luce, interagiscono con la città dove vivono, studiano o lavorano.
Anche in questa V edizione i protagonisti sono i giovani dai 14 ai 30 anni, la luce e la città. Il video lo strumento per raccontarli: un breve filmato di 60 secondi che potrà essere girato con qualsiasi dispositivo mobile quale tablet, smartphone, videocamera, macchina fotografica.

Deadline: 30 aprile 2018.
Le città diventano il palcoscenico delle riprese video, dei racconti, i fondali illuminati, le scenografie colorate attraverso cui i giovani potranno narrare le loro storie, le loro piazze, i loro punti di ritrovo, di svago, d’incontro, di lavoro.
NOVITÀ V EDIZIONE – Tra i premi speciali ci sarà anche la nuova sezione “LUCE e FOTOGRAFIA”. La luce, infatti, è anche un elemento importante della fotografia e un premio dedicato a questo connubio arricchisce e approfondisce le applicazioni della luce.
CATEGORIE E TEMI – Possono partecipare due categorie di giovani: gli under 18 e gli under 30 che potranno raccontare la luce nell’ambito di tre diverse sezioni tematiche LUCE E ARTE, LUCE E LUOGHI, LUCE E PAROLE.

FacebookTwitterWhatsAppEmail
ULTIME NEWS Vedi tutte
festival di venezia 2018
Festival di Venezia 2018: la selezione ufficiale

Nella sezione non competitiva Sconfini, il regista pisano Gipi con il nuovo film “Il ragazzo più felice del mondo” ed il documentario Arrivederci Saigon di Wilma Labate, prodotto dalla società toscana Solaria Film e girato in parte a Piombino.

Continua