Prato Film Festival 2018: la sesta edizione

Sesta edizione e due location (il teatro del Cicognini e il cinema Eden) per il “Prato film festival” che, da domenica 20 a mercoledì 23 maggio, trasporterà la città all’interno del mondo del cinema con proiezioni di pellicole, incontri e una mostra.

Il festival fondato e diretto da Romeo Conte, in collaborazione con il Comune e con altre realtà del territorio, torna dopo un anno di pausa.

L’evento si apre alle scuole ospitando gli studenti del Convitto Nazionale Cicognini e del Liceo musicale Cicognini Rodari di Prato, con i matinée e le proiezioni di lungometraggi fuori concorso quali Il più grande sogno, di Michele Vannucci e Tutto quello che vuoi di Francesco Bruni. Cuore centrale del festival, il concorso di cortometraggi con le sue sezioni tematiche: Mondo Corto, Diritti Umani e Corto Italia.

Tra gli ospiti del festival: Luisa Ranieri, Mirko Frezza, Matteo Branciamore, Massimiliano Gallo, Diego Olivares, Miriam Candurro, Michele Vannucci, Gabriele Tozzi, Renato Scarpa, Carmen Di Pietro, Isabella De Bernardi.
Durante la serata finale verrà proiettato proprio il film Il Postino diretto da Michael Radford e Massimo Troisi e interpretato dallo stesso Troisi con Maria Grazia Cucinotta, Philippe Noiret e Renato Scarpa.

In occasione della giornata finale del festival, mercoledì 23 maggio, presso la Saletta Campolmi verrà innaugurata la mostra Il postino, La metafora della poesia. Saranno esposti (fino al 4 giugno) i bozzetti e gli schizzi con cui venivano immaginate le scene ed i costumi dei due curatori della mostra, lo scenografo Lorenzo Baraldi e la costumista Gianna Gissi, oltre alla bicicletta del Postino concessa dai Fratelli Conti, e la borsa utilizzata da Troisi durante le riprese anch’essa concessa da Rancati. Esposte anche le foto da set del film realizzate da Angelo Frontoni e tratte dalla collezione digitale “Angelo Frontoni, il fotografo delle dive” del portale Mibact.

FacebookTwitterWhatsAppEmail
ULTIME NEWS Vedi tutte
festival di venezia 2018
Festival di Venezia 2018: la selezione ufficiale

Nella sezione non competitiva Sconfini, il regista pisano Gipi con il nuovo film “Il ragazzo più felice del mondo” ed il documentario Arrivederci Saigon di Wilma Labate, prodotto dalla società toscana Solaria Film e girato in parte a Piombino.

Continua